Google

 


In questo blog (www.maury.it/blog)

Nel mio sito (www.maury.it)

In tutto il web


sabato 18 febbraio 2006

Irresponsabilità e magliette

I telegiornali di oggi hanno fatto dei servizioni sugli incidenti accaduti in Libia presso il consolato italiano di Bengasi. Intanto è appena arrivata la notizia delle dimissioni di Calderoli.

Qui il problema non sono le dimissioni del ministro, ma la totale demenza a cui sono arrivati i governanti italiani.

Abbiamo visto e misurato a spese della Danimarca la sensibilità (e la voglia di prendere le palle al balzo per creare disordini) di molte persone del mondo musulmano. Non sono reazioni che condivido. Le vignette incriminate le ho viste e le trovo ironiche e non offensive. In Italia di barzellette sui preti o su Gesù Cristo ne girano da sempre ma nessuno ne ha mai fatto un dramma così grande.

Però avendo già visto e valutato la sensibilità di parte del mondo musulmano, ma come gli è venuto in mente di mettersi a fare così il provocatorio?

QUI SIAMO ALLA DEMENZA PURA. Aggravata dal fatto che Calderoli è un ministro, con una carica di estrema delicatezza per lo stato italiano.

Berlusconi avrebbe fatto meglio a ritirargli personalmente il mandato, almeno avrebbe dato segno di dissociarsi completamente dal comportamento irresponsabile. Sarebbe significato perdere la Lega dalla coalizione della CdL e probabilmente perdere le elezioni, ma a questo punto sarebbe stata la cosa più responsabile. Fermo restando che chi ha fatto sedere Calderoli su quella poltrona ha le sue buone responsabilità (oltre ad evidente incompetenza).

Qui non siamo solo all'incompetenza governativa o al governo per affari personali. Qui siamo arrivati al cretinismo più puro.

Ricordo inoltre che negli incidenti in Libia ci sono state anche vittime umane... E spero che le coscienze di Calderoli e soci ne tengano conto almeno un po'.

Per finire un appello al popolo italiano:
Quando veniamo chiamati a votare non è per esplicare delle semplici formalità burocratiche, ma per compiere un gesto di estrema responsabilità che è un diritto che è costato anni di lotte al popolo italiano. Siamo chiamati a decidere chi amministrerà il nostro paese, chi ci garantirà un lavoro, dei diritti, dei servizi e una vita in piena armonia (anche con le altre culture). Cerchiamo di votare persone in grado e lasciamo gli operai della zappa specializzati (con tutto il rispetto per gli agricoltori, che, comunque sia, oggi usano trattori ed aratri) al posto che gli sarebbe più congeniale (e non parlo di una persona sola, ma di un intero partito)...

3 Commenti:

Alle 18 febbraio, 2006 21:28 , Anonymous Andrea ha detto...

Calderoli ha dimostrato di nuovo, semmai ce ne fosse stato ancora bisogno, il livello del suo quoziente intellettivo.

L'infelice decisione di mostrare in tv quella maglietta ha avuto lo stesso effetto che si otterrebbe tentando di spegnere un incendio con la benzina. Già, a mio avviso, è stata poco sensata l'idea del giornale danese di pubblicare quelle vignette.

Purtroppo il mondo musulmano integralista è una polveriera con la miccia innescata, basta una scintilla... Attenzione, mi riferisco alla parte "integralista", niente a che vedere con la componente moderata, la quale - a differenza di Calderoli - ha dato invece prova di maggiore intelligenza dimostrando pacificamente il proprio (giusto) dissenso scendendo in piazza tranquillamente senza creare casini.

L'infelice impresa di Calderoli fa comunque il paio con l'altra altrettanto infelice dichiarazione dell'esponente di estrema sinistra, del quale non ricordo il nome, sulla questione della strage di Nassyria. Si può essere d'accordo o meno sull'opportunità della presenza delle nostre truppe laggiù, ma non si può certo essere d'accordo con quelle dichiarazioni.

Fra poco ci saranno le elezioni, e, vincendo una fortissima tentazione di stare a casa e non andare a votare, saremo come al solito costretti a scegliere - come dice Beppe Grillo - tra i peggiori in assoluto e i leggermente meno peggio.

Dio ce la mandi buona!

 
Alle 03 marzo, 2006 00:05 , Anonymous Ergys Caushaj ha detto...

Mi sembra parzialmente sbagliata la sua analisi sul mondo musulmano, anche se è da anni che c'è lo sbattono su tutti i tg non è vero che il mondo sia paese. Nel islam non esiste la vendetta, parlo della religione poi come ogni altra religione ha anche l'islam i suoi incuisitori, tranne che la vendetta di quando viene profanato il nome di Dio. Secondo il corano, Dio ha maledeto gli ebrei perchè non hanno riconosciuto maometto come profeta. Lei ha presente quanto odia il mondo arabo l'israele dopo 1400 anni, pensi a cosa si va incontro offendere il profetta.

 
Alle 03 marzo, 2006 21:38 , Anonymous Andrea ha detto...

Caro Ergys,

non mi pare di aver fatto nessuna analisi critica sul mondo musulmano. L'unica cosa che ho detto, e di cui sono convinto, è che l'islam si divide in due "correnti": quella moderata e quella integralista. Purtroppo nella 'parte' integralista e intollerante la vendetta esiste, eccome, basta vedere le reazioni alla pubblicazione delle famose vignette; pubblicazione che comunque anche io condanno.

Tutto qua.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page